lunedì 5 novembre 2012

POVERO PARLAMENTO













Norme truffa

 

È inutile, nessuna vergogna li tocca, la nuova legge elettorale è stata studiata e nasce male anzi malissimo, per essere eletti, si deve avere subito una condanna definitiva, superiore a due anni, e si verrà esclusi per un tempo che sarà il doppio della condanna, ergo tutti potranno ricandidarsi, tranne gli sfigati.

Invece per fare la Guardia particolare Giurata o il Bidello “collaboratore scolastico” ti chiedono il certificato di buona condotta e non avere pendenze Penali, la Legge non è uguale per tutti ? oppure debbo dedurre che per ricercare i prossimi Onorevoli, si debba attingere nelle liste elettorali di questi cittadini !

 


Vedi sotto il testo del T.U.L.P.S.

 

138. (art. 139 T.U. 1926). - Le guardie particolari devono possedere i requisiti seguenti:

1° essere cittadino italiano o di uno Stato membro dell'Unione europea ;

2° avere raggiunto la maggiore età ed avere adempiuto agli obblighi di leva;

3° sapere leggere e scrivere;

4° non avere riportato condanna per delitto;

5° essere persona di ottima condotta politica e morale;

6° essere munito della carta di identità;

7° essere iscritto alla cassa nazionale delle assicurazioni sociali e a quella degli infortuni sul lavoro.

 

Solo parlamentari degni di tale titolo, potranno e saranno in grado di emanare una legge, che dia lustro e onore agli stessi, una legge che elimini i Senatori a vita e che stabilisca in numero massimo di legislature, a cui si può essere eletti.

Che stabilisca un numero massimo di Deputati e Senatori “ massimo 500” e che stabilisca uno stipendio fisso per tutti, senza benefit vari, che elimini finanziamenti e rimborsi elettorali come stabilito dal Referendum, che preveda l’auto Blu solo per le maggiori cariche dello stato e/o per i magistrati che sono minacciati dalla Mafia,

saranno o saremo in grado di emanare tale legge ?

 

Massimo D’Agostini

Nessun commento:

Posta un commento

Scrivi quello che vuoi, nel modo più decente possibile, dimmi cosa ne pensi e possibilmente dammi ragione.