venerdì 1 giugno 2012


SIAMO UN POPOLO SFORTUNATO ???????
 





Ad ogni crisi o ad ogni catastrofe, si ricorre alle accise sul carburante, questo ci rende onore, tutti siamo consapevoli, che solo la cultura della solidarietà ci da la forza di superare le peggiori avversità.
Ma c’è sempre un ma, ogni volta che vengono inserite nel bilancio “ la accise “ non spariscono più e questo sarebbe il meno, non si è mai saputo quanto si è raccolto in denaro, non si è mai saputo quanto è stato usato e se è stato usato, per le catastrofi che hanno colpito L’Italia.

Siamo proprio sicuri che non possiamo rinunciare ai loro servigi alla loro presenza in parlamento ?????

Suez 1956, Vajont 1963, Firenze 1966, Belice 1968, Friuli 1976, Irpinia 1980, Libano 1983, L’Aquila 2009, Emilia 2012, sono tutte situazioni che necessitano la nostra solidarietà, ma la cassa dovrebbe essere dedicata solo ed esclusivamente a queste voci, da cui attingere quando c’è la necessità, inoltre la certezza di una cassa che sovvenzioni l’acquisto di materiali sanitari e generi di primo soccorso, come i generi alimentari sono la priorità assoluta.
Purtroppo questi soldi, vengono gestiti sempre dai soliti politici, che li utilizzano per meri interessi personali, giusto un commissario che diriga la protezione civile, e sarebbe giusto un Team di esperti, slegati dalla politica e dai partiti, che gestiscano la cassa che noi alimentiamo con i nostri sacrifici e che rendano conto al popolo ed alla magistratura.
Non ci fidiamo più, anzi non mi fido più di questi soliti noti, che hanno fatto della mangiatoia Parlamentare, la loro priorità di vita, In nome di DIO andatevene, prima che sia troppo tardi, non siete indispensabili, ce la possiamo fare anche senza di voi.
Sono certo che tra i restanti 59.900.000 cittadini, extracomunitari compresi, ci siano persone in grado di amministrarci, meglio di quello che fate voi, si perché peggio di cosi non si può fare, neanche se ne cerchiamo uno con il lanternino.

Massimo Adelino D'Agostini

Nessun commento:

Posta un commento

Scrivi quello che vuoi, nel modo più decente possibile, dimmi cosa ne pensi e possibilmente dammi ragione.